Precedente - Successivo

Prodromi e l'intervento,
ovvero le premesse sul come sia arrivato il sacchetto, in attesa di chiarire.

Nel frattempo, qualche annotazione su Fist Fucking (FF letteralmente “Chiavata con il pugno”) e sesso sicuro:

 

Nella seconda metà degli anni '80, sull'onda delle preoccupazioni provocato dall'AIDS, ho iniziato a praticare il FF in quanto generalmente considerato molto sicuro usando guanti e non lesinando con lubrificanti. In questo senso, le pubblicazioni ufficiali federali dell'Ufficio di Sanità preposte  alla prevenzione AIDS erano chiare ed esplicite, sotto l'etichetta “Safer Sex Hard” e la massima che propugnava una “protezione onde evitare un qualsiasi contatto diretto con sangue e sperma”.

Non si mancava d'altronde di far notare i problemi correlati ai fattori di rischio del "rectal trauma" al quale concorrono, con pesi diversi, l'uso di clisteri, il fisting 'ricettivo', la presenza di sangue attorno al retto, l'evidenza di microlesioni, abrasioni, fissure, o fistole perianali. Si deve anche osservare che a fronte dell'AIDS, le altre malattie sessualmente trasmissibili passarono disgraziatamente un po' in secondo piano benché il loro contagio fosse ben più facile.

Nella mia attività di consulenza per la prevenzione AIDS allo Spazio Gay si è inoltre potuto notare che la diffusione di queste pratiche FF, ritenute come appannaggio del mondo leather SM omosessuale, potesse sorprendentemente trovare non pochi accoliti nell'ambito eterosessuale (come anticoncezionale?) dove vigono premesse ben diverse da quelle alla base dei rapporti SM gay, caratterizzate da una sostanziale fiducia reciproca tra partner e, al di là del gioco dei ruoli, da una eguaglianza (non solo di sesso) ed empatia che rappresentano un freno a contatti meramente promiscui ed associati ad altre canoniche modalità ludiche potenzialmente più infettive per l'HIV. Stando alla letteratura ufficiale di Aiuto Aids Svizzera, si ritiene il contatto orogenitale, per lo più praticato senza protezione nel contesto FF, essere a rischio HIV molto limitato, anche in presenza di liquidi preorgasmici, evidentemente se si evita l'eiaculazione (regola del “Niente sperma in bocca”) .

 

 
 
 

 

Bear FlagC'è inoltre da osservare che non pochi anziani adepti del FF hanno subito problematiche prostatiche debilitanti le loro prestazioni “ortodosse” senza pertanto influenzare l'erotismo FF sia attivo (di penetrazione) che ricettivo (il termine 'passivo', lo ritengo inappropriato). L'evoluzione della pratica FF, inizialmente prevalentemente in una delle due varianti, seguendo lo schema della sodomia, porta a comportamenti “versatili” (50/50). E' fuori dubbio che l'esperienza del proprio vissuto erotico da ricettivo abbia un importantissimo ruolo nell'espletazione dell'azione simmetrica attiva. Poco importa se non si inizia da versatile, quasi sempre, prima o poi, lo si diventa.

Queste esperienze subiscono poi un'amplificazione nell'esigenza di costantemente superare limiti dimensionali dati dalle configurazioni anatomiche personali: l'uso frequente nella scena FF di rilassanti quali i nitriti alchilici (il poppers originale da farmacopea – in fiale da inalare contro l'angina pectoris - era a basato sul radicale isoamilico, poi altri derivati quali l'isopropilico hanno sostituito l'autentico per motivi legali in funzione di “room odoriser” in modo molto simile alla strategia commerciale utilizzata per I famosi sacchetti profumati alla cannabis) permette di innalzare i livelli d'allarme del dolore, comunque influenzati dalle endorfine prodotte dall'eccitazione sessuale. 

La composizione dichiarata dei prodotti pp è un 98% di isopropilnitrito in presenza di altri alchili che ne fanno le sottili  differenze aromatiche ( un po' come nei distillati alcolici) riflesse nelle denominazioni commerciali che non lasciano adito a dubbi sul loro impiego nella scena Leather o Bear (Rush, Berlin XXX extra strong, Jungle Juice, Liquid Burning, FIST extra strong....). Il prodotto originale da farmacopea, esclusivamente commerciabile nell'ambito farmaceutico, pur essendo più efficace, ha lo svantaggio di possedere uno sgradevolissimo odore di alcole isoamilico, molto meno marcato negli altri derivati. L'odore tipico, anche nei derivati attuali, è comunque un deterrente per molti utilizzatori; per altri, il fastidio procurato dall'uso da parte del partner è stato superato dall'apprezzamento dei suoi effetti: il consumo in comune ne attenua la percezione sgradevole... Negli Stati Uniti, sotto la denominazione Video Head Cleaner (solvente per testine video) circolava negli anni '90 un nitrito dall'odore quasi etereo a base di un cicloexilalchile che non è mai giunto in Europa....

L'inalazione di questi prodotti provoca una sensazione di caldo su tutto il corpo spesso accompagnata  da arrossamento al viso, tachicardia, un rilassamento della musculatura involontaria ed un parossistico erotismo per entrambe varianti di ruolo che lo ha reso indispensabile sulla scena gay. Nell'ambito eterosessuale, i poppers sono tradizionalmente usati per lo sballo prolungato sulla scena disco già a partire dagli anni '70: le modalità d'uso gay, centrate sull'aspetto sessuale-afrodisiaco, divergono pertanto notevolmente.   Benché sia la dose a determinarne gli effetti secondari, usati moderatamente, i poppers non presentano che raramente nausee o mal di testa o altri fenomeni di intolleranza salvo che per il Viagra, assolutamente da evitare per gravissime complicazioni cardiache.

Un uso eccessivo può provocare dipendenza psicologica, quasi che non sia più possibile avere attività sessuali in sua assenza. D'altra parte  sono osservabili casi di difficoltà d'erezione dovuti ad abusi. Posizioni estreme e probabilmente allarmistiche che negano nel contempo l'eziologia HIV hanno messo sotto accusa i poppers...
L'umidità introdotta nel flacone durante l'uso, provoca un rapido degrado della sostanza attiva che può essere leggermente frenato conservando i prodotti sotto refrigerazione.

Altri mezzi per il superamento delle soglie di dolore sono l'uso di veri e propri anestetizzanti sistemici (inalazione inpropria di cloruro di etile -Cloroetano - in bombole  per uso esterno, come ghiaccio spray indicato per ottenere una locale riduzione di sensibilità dopo traumi) o l'uso di creme a base di Lidocaina o altri anestetici locali. Il grado di pericolosità potenziale di simili mezzi è evidente.

Forme di (auto)erotismo da penetrazioni con oggetti inpropri di anche notevoli dimensioni possono essere considerati quasi come una regola come ben sanno i pronto soccorsi chiamati ad intervenire in situazioni d'emergenza.

  Altri oggetti, di dimensioni non meno audaci ma progettati con materiali ad hoc, rappresentano mezzi d'uso corrente meno pericolosi  
https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQGoS1AT_fIQJ6KbneIVNgA59crMuRJ0dfbfWtFiLkxr1X9NrxGNQ  come lo è pure la 'sling'  che permette sicure e comode posizioni altrimenti difficilmente realizzabili senza rischiare l'osso del collo... 

A proposito di situazioni d'emergenza 'particolari' ne ho vissuto due che vale la pena di raccontare e che non rientrano tra le tante leggende metropolitane.

Metropolitana, forse, come quella che attribuisce a Luigi Faloppa, noto speaker della RSI anni '80 ed altrettanto noto grande estimatore di ventenni in un suo châlet a Carì, ripetuti ricoveri con l'ambulanza, barellati in coppia 'indissolubile' , all'ospedale di Faido. Troppo bello per poter essere vero....).

  1. Lugano, inizio anni '70 ho appena iniziato la mia attività di laboratorio per urgenze tossicologiche. Ricevo una telefonata dalla Croce Verde: esiste un solvente non dannoso per la pelle per 'staccare' una colla istantanea? La domanda nasceva da un intervento presso un adulto che stava fissando in bagno un portarotoli della carta igienica con una colla rapida. Per motivi quasi comici, gli operatori sanitari intervenuti si sono trovati ad affrontare una situazione per la quale non erano preparati: il braccio della vittima, per di più infilato alla catena dello sciacquone, aveva un dito della mano saldamente incollato al prepuzio.... La chirurgia 'invasiva' risultò quale inevitabile soluzione. Immaginiamo il dilemma della scelta nel dover sacrificare una delle due parti!

  2. Zurigo, '75. Appena iniziato l'attività del SOS Labor (24 ore su 24). A mezzanotte una telefonata concitata di due signori da una cabina telefonica pubblica nei pressi del Bürkliplatz, noto come zona di 'battuage gay'. Una mano era irreversibilmente 'bloccata' in un FF e chiedevano aiuto, trasferiti dal numero di pronto soccorso.... Ci volle un rilassante muscolare, dopo una trasferta in taxi al pronto soccorso dell'Unispital. Questo episodio rientrava nello stereotipo degli spiacevoli incidenti 'gay' , basti dire che anch'io, al primo momento, pensavo si trattasse di uno scherzo di gusto discutibile...  allora di esperienze FF,  ne ero totalmente ignaro.

                       

Per liberare ano e colon da materiale fecale vengono eseguiti dei lavaggi (clisteri) più o meno in profondità che permettono penetrazioni più pulite e non impedite da accumuli ingombranti. Questi lavaggi preventivi possono d'altro canto irritare le mucose intestinali ed essere all'origine di distrubi più o meno fastidiosi o gravi ma, al di là di questi effetti indesiderati, fanno parte delle azioni d'igiene personale in preparazione di una serata FF pur sapendo che la fisiologia dello svuotamento del sigmoide avviene in modo discontinuo lasciando praticamente vuoto l'ano dopo una normale defecazione.  Accanto all'uso di perette, vengono spesso usate cannule direttamente connesse al tubo della doccia che permettono pressioni più cospicue. Di regola, un lavaggio approfondito permette di restare pulito per più ore, se c'è di mezzo una trasferta o altre attività fisiche, spesso ci si dà all'ultimo momento una ripassata di sicurezza...

Una volta decisi i ruoli (fister e fistee o entrambi in contemporanea) e la posizione del fistee (nella sling, sulla schiena con reciproco contatto visivo, gambe divaricate e caviglie imbragate; accucciato) , il FF classico inizia con un massaggio dello sfintere anale che, in presenza di un buon lubrificante semisolido (mitico, il commestibile Crisco), viene progressivamente reso più ricettivo fino ad accogliere, in alternanza della destra e della sinistra, il palmo della mano, poi le cinque dita, il polso. Segue un massaggio prostatico aprendo e chiudendo il pugno, scambiando destra e sinistra, dentro e fuori. Una ulteriore penetrazione della cavità anale dipenderà anche dalla conformazione ossea del bacino più o meno ampio ed accogliente.  L'uso liberale in questo stadio di particolari lubrificanti semiliquidi e gelatinosi (12 g di J-Lube in polvere / Litro di acqua, all'origine previsto per pratiche veterinarie) è indispensabile per ridurre al massimo l'attrito con le mucose anali. A seconda della geometria somatica del recipiente, del braccio può essere raggiunto anche il gomito. Un ulteriore grado di penetrazione può essere lent(issim)amente realizzato superando, in stretta collaborazione  e sintonia della coppia, il secondo sfintere che apre la strada al sigmoide ed al colon vero e proprio.

La problematica del paradosso che lega l'ossimoro "Attivo" - "Passivo" e la loro polarizzazione può essere approfondita dal tema

"Amico / Nemico" : aspetti che ci devono far riflettere..... "Zettel3" serie trasmessa da RAI3 in orari della fascia notturna ma ricuperabile in rete merita di essere conosciuta e redime l'ente televisivo del Belpaese dimostrandone, accanto all'altra serie di "cose (mai) viste" che non tutto quanto vien trasmesso sia da rigettare! Altri temi che ho scelto di proporre alla vostra attenzione: "Dolore"  "Guarigione"